top of page
  • Il team di Energy Renovation Studio

Quanto spenderai per il riscaldamento nei prossimi 10 anni? Due casi studio con pompa di calore

Il costo per riscaldare la propria casa è una preoccupazione sempre più rilevante, specialmente considerando il costante aumento dei prezzi dell’energia e la crescente “povertà energetica” di tante famiglie italiane. In questo articolo, esamineremo attentamente i costi associati all’utilizzo dei principali combustibili per il riscaldamento domestico - metano, GPL, gasolio, pellet - e la tecnologia della pompa di calore, sempre più popolare. Per fare degli esempi concreti, utilizzeremo due casi studio reali (i cognomi sono stati oscurati per privacy): due appartamenti di 100 m2 ciascuno ma con condizioni diverse, soprattutto per quanto riguarda l’isolamento.


Scopriremo come l'investimento in una pompa di calore, specialmente se abbinata a un impianto fotovoltaico, possa rappresentare in entrambi gli scenari una soluzione vantaggiosa a lungo termine per risparmiare sui costi energetici.



Due mani che bruciano una bolletta, a rappresentare che produrre energia bruciando combustibili è dannoso non solo per l'ambiente ma anche per il portafoglio. I costi a lungo termine per il riscaldamento a metano, GPL, gasolio etc sono superiori a quelli di una pompa di calore

© Devin Avery su Unsplash


Come confrontiamo i costi dell’energia


Siamo a gennaio 2024: il confronto tra i combustibili verrà effettuato utilizzando i prezzi attuali dell’energia elettrica e degli altri prodotti energetici tenendo conto di un 5% di inflazione annuale, dato che non è possibile predire le fluttuazioni del mercato energetico nei prossimi anni. 


Per le pompe di calore, abbiamo utilizzato come riferimento le pompe di calore professionali Kronoterm installate in Italia dalla rete di Sigillo Sicuro, altamente efficienti. Ovviamente, con pompe meno performanti i numeri potrebbero variare.


Caso studio A: il riscaldamento di un appartamento ben isolato


Un'infografica sui costi del riscaldamento per una casa di 100 metri quadrati, ben isolata, con 6 kW di potenza termica necessaria. Il sistema più economico è pompa di calore + fotovoltaico

Paola e Maurizio D. vivono in un appartamento da 100 m2 con un isolamento mediamente efficiente. Hanno appena deciso di installare una pompa di calore professionale da abbinare al loro riscaldamento a pavimento radiante e per riscaldare l’acqua sanitaria. Da un paio d’anni hanno un impianto fotovoltaico da 6 kW sul tetto.


Con la loro nuova pompa di calore, nei prossimi 10 anni spenderanno in totale solo 4876 euro per riscaldare la casa e l’acqua sanitaria (circa 40 euro al mese), dato che parte dell’energia verrà dal loro stesso impianto fotovoltaico.


Ma quanto spenderebbero se utilizzassero invece una caldaia alimentata non da elettricità ma da un altro combustibile


GPL: 23.718 euro (+386%)

Gasolio: 19.427 euro (+298%)

Metano: 15.401 euro (+216%)

Pellet: 10.608 euro (+118%)

Legna: 7.997 euro (+64%)


Caso studio B: il riscaldamento di un appartamento con isolamento minimo


Un'infografica sui costi del riscaldamento per una casa di 100 metri quadrati,  con isolamento minimo e 8 kW di potenza termica necessaria. Il sistema più economico è pompa di calore + isolamento

Luca P. vive in un appartamento da 100 m2 in un edificio costruito nel 1994 con isolamento minimo. Riscalda con radiatori alimentati da una caldaia a metano installata nel 2006 che ora va sostituita. Per sfruttare le detrazioni fiscali del 65% e per togliersi l’incombenza della manutenzione periodica, ha deciso di sostituire la vecchia caldaia con una pompa di calore.


Nei prossimi anni, con la pompa di calore spenderà in totale 12.710 euro per riscaldamento e acqua sanitaria - in media circa 100 euro al mese.


Prima di vedere come potrebbe risparmiare ulteriormente, scopriamo quanto spenderebbe invece utilizzando un impianto alimentato a…


GPL: 31.624 euro (+149%)

Gasolio: 25.903 (+104%)

Metano: 20.535 euro (+62%)

Pellet: 14.144 euro (+11%)

Legna: 10.662 euro (-27%)

  

Rispetto a Paola e Maurizio, Luca ha un appartamento meno isolato, e quindi meno efficiente a livello energetico. Se potesse investire sull’isolamento della sua abitazione, anche continuando a utilizzare i radiatori che ha già, spenderebbe per riscaldare casa circa 6355 euro in 10 anni – il 50% in meno.


In alternativa (o in aggiunta) potrebbe installare un impianto fotovoltaico usufruendo delle detrazioni fiscali del 50%, che possa coprire almeno una parte del fabbisogno energetico della sua pompa di calore.  


Risparmiare a lungo termine con un sistema di riscaldamento in pompa di calore


La scelta del sistema di riscaldamento domestico ha un impatto significativo su quanto spenderemo per l’energia nel lungo periodo. 


L’utilizzo di combustibili come il metano, il GPL o il gasolio, può comportare costi in bolletta sempre più alti: nel caso di caldaie a gasolio o GPL, fino a quattro volte superiori rispetto a una pompa di calore. 


Anche il metano, che è utilizzato in Italia in quasi il 70% delle caldaie, non è una scelta sostenibile a lungo termine né a livello economico né - tantomeno - a livello ecologico. Come abbiamo visto, se la casa è sufficientemente isolata, una caldaia a condensazione può comportare costi energetici di tre volte superiori rispetto a una pompa di calore. Inoltre, per ogni m3 di metano che bruciamo a casa, emettiamo quasi due kg di CO2 nell’atmosfera.


La scelta di una pompa di calore, soprattutto se alimentata da un impianto fotovoltaico o da altre fonti rinnovabili, è in genere la soluzione più conveniente a lungo termine, sia per noi che per l’ambiente. 


Come vedremo in uno dei prossimi articoli, purtroppo non è sempre una scelta possibile (per ragioni di budget e/o per altri fattori), ma se stai ristrutturando casa o se vuoi installare un nuovo impianto termico, contattaci al numero 338 226 8671 o a info@energyrstudio.com per valutare le esigenze specifiche della tua abitazione. Ti offriremo una consulenza e un’analisi gratuite, così che tu possa arrivare alla scelta migliore per la tua casa e la tua famiglia.

Comments


bottom of page